Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

Aggiornamento Corona Virus
Mercoledì 18 March 2020 3:18 pm     Article Hits:8982     A+ | a-
La situazione del settore melicolo italiano a seguito del diffondersi del “Coronavirus” in Italia e nel mondo viene costantemente monitorata da Assomela in continuo contatto con i propri associati.
Innanzitutto, va evidenziato che le disposizioni introdotte dal Governo per consentire agli stabilimenti di lavorazione di restare attivi sono state puntualmente implementate, in diversi casi anche in collaborazione con le Aziende Sanitarie locali ed i sindacati, in anticipo sul provvedimento nazionale.
I lavoratori accedono agli stabilimenti in più turni, vengono mantenuti in piccoli gruppi fissi sulle linee di lavorazione, per il personale sono a disposizione le mascherine e sulla linea di confezionamento sono posizionate delle barriere mobili che separano fisicamente i lavoratori l’uno dall’altro. Le pause vengono scaglionate per gruppi ristretti, in maniera da evitare la presenza contemporanea di troppe persone.
L’attenzione immediatamente posta alle esigenze di salvaguardia del personale è stata apprezzata e la riorganizzazione del lavoro, pur comportando una leggera riduzione nella resa totale, consente di mantenere la capacità lavorativa delle strutture ad un ottimo livello e di soddisfare una domanda generalmente aumentata nell’ultimo mese sia in Italia che all’estero.
Il problema del transito alle frontiere è per il momento rientrato, con un atteggiamento collaborativo anche da parte delle autorità di Austria e Slovenia, dove nel corso della scorsa settimana si erano create lunghissime file di camion in attesa di controlli. Le linee guida sul controllo delle frontiere interne e la libera circolazione delle merci nel mercato unico pubblicate l’altro ieri (16 marzo) da parte della Commissione Europea hanno definitivamente scongiurato una chiusura arbitraria ed ingiustificata dei confini interni dell’Unione.
Resta la preoccupazione per una sensibile carenza di camion e di autotrasportatori, che nel transito da un paese all’altro, ma in particolare al momento del rientro nel loro paese di origine dopo essere transitati in Italia, corrono il rischio di vedersi richiesto un ingiustificato periodo di quarantena.
Al momento non si è verificata alcuna problematica con la distribuzione in Italia, dove tutte le catene hanno al contrario manifestato un atteggiamento collaborativo e sensibile verso l’emergenza.
Alcune catene estere, in particolar modo dell’Est Europa, avevano minacciato la sospensione degli acquisti di mele italiane per problemi di natura sanitaria nonostante molte fonti scientifiche accreditate (EFSA, OMS, Ministero della Salute italiano,) avessero già smentito l’esistenza di qualsiasi nesso tra prodotto e diffusione del virus. Al momento tali misure sono state sospese.
In Germania, la scorsa settimana alcuni carichi sono stati respinti al mittente per immotivate “carenze qualitative”, ma ad oggi l’atteggiamento è in positivo cambiamento e alcune tra le maggiori catene hanno confermato di non avere alcuna riserva verso le mele provenienti dall’Italia.
Questo atteggiamento è molto apprezzato e si confida in un generale allineamento di tutto il mondo del retail di apertura incondizionata ai prodotti provenienti dall’Italia ed una linea di comportamento più flessibile visto le condizioni in cui tutti gli operatori si trovano a lavorare.
Misure di controllo sono state proposte anche in alcuni paesi asiatici e prontamente segnalate alle autorità nazionali per puntuali interventi ove fossero ingiustificate.
Il quadro della situazione è in continua evoluzione ed Assomela è in giornaliero contatto con le autorità nazionali e con le proprie rappresentanze europee - proprio ieri si è svolta l’ultima riunione di coordinamento in ambito Freshfel - per garantire un sistematico scambio di informazioni e un corretto meccanismo di funzionamento della catena di approvvigionamento.