Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

MELE ITALIANE IN CINA, PASSI IN AVANTI
Lunedì 7 November 2016 5:58 pm     Article Hits:50962     A+ | a-

Ottimo riscontro per il workshop organizzato da Freshfel Europe e CIQA ( Servizio ispezioni fitosanitarie cinese) a Pechino con lo scopo di creare una base di conoscenza comune per le future relazioni commerciali, comprendere i rispettivi sistemi produttivi e soprattutto i quattro pilastri essenziali dello scambio commerciale tra i due paesi e cioe': l'accesso al mercato,le politiche fitosanitarie e i requisiti necessari, le politiche di sicurezza alimentare e i requisiti richiesti, le procedure specifiche per i diversi prodotti.

Il format del workshop, molto efficace ed apprezzato, ha focalizzato, con interventi a due voci seguiti da discussione, tutti i temi importanti relativi agli scambi tra Europa e Cina con relazioni di Woo Huao direttore della Biosecurity Division dell'AQSIQ, Jerome Lepeintre, Capo della Sezione Agricoltura della delegazione Europea in Cina Ms Li Li Direttrice dell'Economic Crop Division del Ministero Agricoltura Cinese.

L'Italia ha presentato lo stato dell'arte per kiwi, mele, pere, agrumi con un intervento nella sessione Businnes Case dedicata alle imprese ed alle problematiche di scambio.

" Abbiamo avuto l'opportunita' - dichiara Simona Rubbi - responsabile apertura nuovi mercati di CSO Italy - di presentare una fotografia chiara e analitica della situazione degli scambi commerciali di ortofrutta italiana in Cina con le ottime performance del kiwi, la crescita del kiwi giallo e le grandi potenzialita' per lo sviluppo del mercato di pere, mele e agrumi."

" Per quanto riguarda gli agrumi - dichiara Salvo Laudani Mkt Manager di Oranfrizer e Presidente di Fruitimprese Sicilia, abbiamo esposto con chiarezza lo stato dell'arte chiedendo che l'accordo tra Cina e Italia siglato a gennaio 2016 sia applicato dalla campagna in corso e che sia inclusa in futuro la possibilita' di effettuare il trasporto degli agrumi via aereo o treno oltre che via nave. Questa apertura- rimarca Laudani - e' fondamentale per garantire l'arrivo di un prodotto di qualita' eccellente e ritengo che il workshop di Pechino ci abbia offerto una grande opportunita'."

Per quanto riguarda mele e pere e' stato evidenziato il fatto che il Ministero italiano ha inviato alle autorita' cinesi una comunicazione ufficiale nel marzo 2015 con la richiesta di apertura ufficiale dei negoziati per l'export, ma tale richiesta non ha ancora avuto risposta.

" Abbiamo colto l'occasione del workshop - dichiara Giulia Montanaro di Assomela - per presentare l'opportunita' di avviare subito i negoziati per mele e pere congiuntamente e con la massima urgenza".

La delegazione italiana ha apprezzato molto la presenza ed il supporto concreto offerto dal dott. Enrico Berti primo segretario dell'ufficio economico e commerciale e dalla Dott.ssa Raffaella Danielato dell'ufficio economico e commerciale dell'Ambasciata Italiana a Pechino, nonché del Ministero delle Poliche.

Inoltre è emersa una chiara sintonia tra i rappresentanti dei 6 Paesi europei partecipanti alla missione nel ribadire che sarebbe necessaria una regia comunitaria nei negoziati, nonostante la Cina abbia ribadito che le trattative devono essere fatte autonomamente da ciascuno Stato membro.

Complessivamente l'iniziativa di Freshfel ha colto nel segno mettendo in luce le opportunità di un mercato immenso, ma soprattutto la necessita' di un approccio di confronto e scambio costante con le autorita' cinesi per far comprendere a pieno, modalita' di produzione, sistemi di difesa, trasporto e logistica dell'ortofrutta italiana

Di particolare significato la sollecitazione verso maggiori investimenti per l’accesso ai mercati ed internazionalizzazione, una razionalizzazione del sistema fieristico, con una chiara indicazione per un unico evento italiano, la difesa dell’organizzazione comune di mercato (OCM Ortofrutta), che in Trentino Alto Adige porta circa 50.000.000 di €/anno, investiti in tecnologia, sostenibilità e sicurezza alimentare, e la importanza di norme legislative adeguate per la eliminazione del caporalato nelle situazioni più critiche.

L’incontro è stato proficuo ed apprezzato, con una concreta attenzione del Ministro Martina alle sollecitazioni raccolte nel corso dell’incontro, che si è chiuso con l’invito al Ministro per una partecipazione ad Interpoma 2017, che si terrà per la decima volta a Bolzano dal 24 al 26 novembre 2016, verso cui il Ministro ha dichiarato vivo interesse.