Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

ASSOMELA, MISSIONE IN ASIA: «MERCATO STRATEGICO»
Lunedì 31 October 2016 5:47 pm     Article Hits:17448     A+ | a-
Anche il mondo dell’ortofrutta sarà al centro della missione in Vietnam, Singapore e Indonesia organizzata dal commissario europeo all’Agricoltura, Phil Hogan e in programma da dopodomani, 2 novembre, a mercoledì 9. Tra le sette realtà produttive italiane che parteciperanno compaiono infatti Assomela e Conserve Italia, che proprio venerdì ha tenuto l'assemblea (cliccare qui per leggere). Con loro anche rappresentanti di Alleanza delle Cooperative Italiane-settore agroalimentare, Parmareggio, F. Divella, Mgm Mondo del Vino e Salumificio Bordoni.
 
Soddisfatto Alessandro Dalpiaz, direttore dell'associazione che raggruppa le principali associazioni di produttori melicole: "L'inserimento di Assomela nella missione guidata da Hogan - spiega a Italiafruit News - è stata una piacevole sorpresa che ci stimola a a proseguire nel lavoro di networking internazionale, con una visione di sistema ampia, pur mantenendo chiaro l'obiettivo del servizio ai soci". "Nel contesto della missione - prosegue Dalpiaz - avremo modo di dialogare con molti alti rappresentanti per richiamare l'attenzione sull'importanza dell'accesso ai mercati, anche dal punto di vista Ue e con un ruolo guida importante da parte della Commissione Europea. Non dimentichiamo che c'è un livello bilaterale di negoziato, nazionale, ma anche un livello multilaterale Ue; e possono essere complementari". 
 
"In tal senso - aggiunge Dalpiaz, che parteciperà personalmente alla missione - abbiamo un obiettivo diretto rappresentato dal Vietnam, con cui è in corso un negoziato specifico per l'accesso delle mele e anche dall'Indonesia, che presenta alcune criticità importanti per i prodotti ortofrutticoli.  In ogni caso i nostri consorzi soci hanno interesse crescente verso tutto il Far East. Nel corso della missione, in coordinamento con il Mipaaf, incontreremo i responsabili economici delle diverse ambasciate, in maniera da confrontarci anche direttamente sui risvolti tecnici dei diversi dossier".  
 
Assomela si sta mostrando particolarmente attiva su questo fronte, se è vero che venerdì Giulia Montanaro è volata a Pechino per un'altra missione coordinata da Freshfel, per incontrare, insieme a Cso Italy, le autorità fitosanitarie locali. Obiettivo: far decollare il negoziato legato all'accesso di mele e pere nel mercato cinese. 
 
 
“Quella che ci attende è una missione strategica - il commento di Giorgio Mercuri (foto sopra), presidente dell’Alleanza delle Cooperative agroalimentari - per aprire nuovi mercati ai prodotti europei di alta qualità e per sensibilizzare istituzioni e stakeholder sul valore aggiunto delle indicazioni geografiche. Con quasi un migliaio tra Dop, Igp e Stg, l’Italia è infatti il primo Paese in Europa per numero di prodotti agroalimentari a denominazione riconosciuti dall’Ue”. 
 
Le cooperative, aggiunge Mercuri, svolgono un ruolo fondamentale per la conservazione e l’innovazione dell’agroalimentare made in Italy, grazie ai continui investimenti e al forte legame con l’origine della produzione: secondo i dati dell’ultimo Osservatorio della cooperazione agricola italiana, le imprese cooperative lavorano materia prima che per il 73% è di provenienza locale, per il 26% nazionale e solo per l’1% estera. 
 
Copyright 2016 Italiafruit News