Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

Aggiornamento mercato mele Italia: gennaio 2024
Martedì 16 January 2024 2:17 pm     Article Hits:1526     A+ | a-
Aggiornamento mercato mele Italia 2023/2024
 
- Comunicato stampa di Assomela –
11 gennaio 2024
 
 
Martedì 9 gennaio si è tenuta la consueta riunione del Comitato Marketing di Assomela che ha esaminato la produzione, le giacenze e le vendite di mele italiane per la nuova stagione commerciale 2023/2024.  
 
La produzione totale di mele italiane nel 2023, ormai definitiva includendo anche le varietà più tardive, si assesta a 2.174.674 tons, livello del 2,9% superiore a quella dello scorso anno. Il volume di mele destinate alla trasformazione industriale diminuisce leggermente rispetto all’anno precedente e così la disponibilità di mele per il mercato fresco cresce di poco oltre 4% rispetto al 2022, raggiungendo le 1.878.891 tons.
Le giacenze di mele per il mercato fresco al primo gennaio si assestano a 1.215.750 tons., con un incremento del 4,8% rispetto al minimo record dello scorso anno e in linea con la media degli anni precedenti. Nel mese di dicembre sono state vendute complessivamente 164.376 tons di mele, un volume esattamente in linea con la media degli ultimi cinque anni.
A livello varietale, le giacenze di Golden Delicious al 1° gennaio arrivano a 474.409 tons., riportandosi ai medesimi livelli delle annate 2020-2022, con un volume di vendite nel mese di dicembre ben in linea con i piani di decumulo. La Red Delicious presenta una giacenza inferiore del 37% rispetto a quella del 2022 e dimostra vendite soddisfacenti del 5% sopra la media degli ultimi quattro anni. Si conferma un andamento tendenzialmente positivo per il gruppo delle cosiddette Nuove varietà club, che raggiungono una produzione record di oltre 227.000 tons e una relativa giacenza superiore di 36% rispetto allo scorso anno, garantendo una disponibilità di prodotto fino all’estate.
Per quanto riguarda il settore del trasformato, i volumi sono in linea con le previsioni e si registra un mercato piuttosto ricettivo.
Nel Comitato del Biologico di Assomela, tenutasi giovedì 11 gennaio, le principali Organizzazioni confermano positivismo e vendite regolari in linea con i piani di decumulo.
 
La campagna di commercializzazione appare molto viva in Europa, grazie anche in particolare alla minore presenza sia di mele polacche, pur presenti con prezzi competitivi in diversi mercati, sia di mele tedesche.
Nell’export oltremare si registrano invece alcune difficoltà logistiche dovute all’intoppo del canale Suez e dei conflitti nel mar Rosso che comporta ritardi ed incertezze nella disponibilità di container. A causa della scarsità dei container, dei tempi di attesa, delle deviazioni e dell'aumento delle assicurazioni, i prezzi della logistica su queste strade vengono rinegoziati e in alcuni casi quasi raddoppiate.
 
Sul fronte della legislazione comunitaria, considerato l’obiettivo di Assomela di salvaguardare la sostenibilità dei produttori seguendo i dossier che potrebbero avere un maggiore impatto sul settore, in collaborazione con le principali Organizzazioni nazionali ed europei si continua a seguire con attenzione l'evoluzione delle proposte di Regolamento UE per l'uso sostenibile dei fitofarmaci (SUR) e per la riduzione degli imballaggi e rifiuti da imballaggi (PPWR), entrambe oggetto di forte critica da parte del settore.
In tal senso Assomela conferma un convinto sostegno alle posizioni espresse dal Parlamento Europeo lo scorso novembre, che ha rigettato la proposta SUR ed ha modificato la proposta PPWR, escludendo dal campo di applicazione il settore ortofrutticolo per quanto riguarda il divieto di uso di confezioni monouso.
 
I temi saranno oggetto di costante e prioritaria attenzione per i possibili prossimi sviluppi ed Assomela continuerà anche per la nuova campagna commerciale di lavorare per garantire un più equilibrato rapporto tra obiettivi ambientali, sociali e, in particolare, la indispensabile sostenibilità economica per le imprese.
 
 
Assomela s.c. è il Consorzio delle Organizzazioni di Produttori di mele italiani che rappresenta il 75% della produzione melicola nazionale, a cui si associano le OP VOG (Marlene), VIP (Val Venosta), il Consorzio From e VOG Products della Provincia di Bolzano, Melinda, La Trentina e Mezzacorona della Provincia di Trento, Melapiù della Regione Emilia-Romagna, Rivoira, Lagnasco, Joinfruit e Gullino della Regione Piemonte, Melavì della Regione Lombardia e Frutta Friuli Sca della Regione Friuli-Venezia Giulia.