Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

Aggiornamento situazione di mercato al 1° di giugno
Venerdì 24 June 2022 11:54 am     Article Hits:532     A+ | a-
Martedì 15 giugno si è tenuto il consueto incontro mensile del Comitato Marketing di Assomela durante il quale, oltre a valutare la situazione di mercato per i mesi estivi, si è riflettuto sulla futura stagione e sugli elementi, individuabili già da ora, che la condizioneranno.
 
Il decumulo totale nel mese di maggio è stato di 188.427 tons., superiore alla media degli anni precedenti. Tuttavia, come già anticipato lo scorso mese, una quota significativa della merce di piccolo calibro e di seconda categoria di alcune varietà, non è stata venduta nel mercato del fresco, dove è stato impossibile collocarla, ma è stata destinata alla trasformazione.
Ad oggi, dunque, i volumi da qui alla fine della stagione risultano gestibili considerato la revisione dei piani di decumulo avvenuta nel mese di maggio, la buona ricettività di alcuni mercati all’export (tra cui l’India ed il Medio Oriente) e la ridotta presenza di prodotto dall’emisfero sud.
 
Al momento, oltre ad un generale calo di consumi, presente in Italia, ma anche negli altri principali mercati europei, la maggiore fonte di preoccupazione è rappresentata dall’aumento dei costi – almeno tra i 10 ed i 12 centesimi al kg superiori rispetto allo scorso anno - e dal mancato assorbimento di questi lungo la filiera, situazione che colpirà fortemente la remuneratività al produttore. Se questo è vero per la campagna in corso, in cui il rialzo dei costi ha colpito solo la seconda parte della stagione, lo è ancora di più con riferimento alla prossima, che verrà condizionata nella sua totalità.
 
Le stime di produzione arriveranno, come di consueto, all’inizio di agosto, ma al momento in Italia, così come nel resto dell’Europa, non si sono registrate particolari criticità fitosanitarie ed eventi atmosferici avversi. Per l’Italia, a meno di gravi problemi legati alla mancanza di acqua nei prossimi mesi, al momento la stima è di una produzione abbondante con calibri medio grandi considerata la buona divisione cellulare e un efficace diradamento.
 
Valutati tutti gli elementi – produzione abbondante in Italia ed in Europea, calo dei consumi, rialzo dei costi, ma anche gravi problemi all’export (Egitto su tutti) e difficoltà di reperimento della manodopera -  i membri di Assomela hanno riconosciuto la necessità di un confronto strategico per affrontare al meglio la campagna 2022/23; nel corso dei prossimi mesi sono previsti una serie di incontri di confronto e coordinamento nell’ottica di tutelare, per quanto possibile, la remunerazione del frutticoltore, proponendo azioni a mitigazione dello scenario con l’obiettivo di fornire al consumatore un prodotto di qualità e gusto che ne soddisfi le aspettative. Per raggiungere l’obiettivo anche la valorizzazione del prodotto attraverso la trasformazione dovrà essere oggetto di attenta programmazione.