Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

Coronavirus, a rischio 400 container di mele italiane in viaggio verso l’India
Mercoledì 25 March 2020 2:26 pm     Article Hits:9038     A+ | a-
Dopo il punto della scorsa settimana, Assomela fornisce insieme ai soci un secondo aggiornamento dal settore.
A seguito della rapida diffusione del virus in tutta Europa e alla pubblicazione da parte della Commissione Europea delle linee guida per il controllo delle frontiere e la libera circolazione delle merci, il 22 marzo scorso è stata presentata la relativa guida pratica per assicurare il regolare flusso delle merci all’interno del mercato unico attraverso le “green lanes”. Tra le misure più importanti, quella che definisce tempi di attesa di massimo 15 minuti al confine per controlli e screening sanitari degli autisti. Un ulteriore passo importante per evitare le chilometriche code che rallentano ingiustificabilmente il flusso dei prodotti sul suolo europeo. Rimangono i problemi relativi alla disponibilità di camion refrigerati e soprattutto di autisti.
Dopo il panico di un paio di settimane fa, si continua comunque a lavorare a ritmi serratissimi, per garantire le forniture rispettando le norme imposte e tutelando al massimo la salute dei lavoratori, fondamentali per la tenuta del settore.
Assomela conferma i possibili problemi di manodopera per i lavori estivi ed autunnali, se la situazione non migliorerà, e la necessità di trovare formule di assunzione quanto più semplici e rispettose delle disposizioni a tutela della salute.
Maggiori problemi si riscontrano, invece, fuori dall’UE ed in particolare, negli ultimi giorni, in India. Dopo l’entrata in vigore di uno specifico decreto che ha introdotto misure per verificare lo stato di salute degli equipaggi delle navi portacontainers che comportano ritardi di 4/5 giorni per lo scarico della merce, al momento la situazione descritta da alcuni importatori sembrerebbe molto più seria. Sebbene infatti non ci sia nessun provvedimento ufficiale da parte del governo che limiti l’operatività dei porti del paese e della logistica, la realtà sembra molto differente. I maggiori importatori, infatti, prospettano una prossima chiusura, o parziale chiusura, delle attività portuali e di quelle legate alla logistica, sebbene queste rientrino tra quelle ritenute strategiche dall'India stessa per garantire l'approvvigionamento dei beni di prima necessità.
Le limitazioni alle attività ed agli spostamenti delle persone imposte dalle autorità, colpirebbe infatti qualsiasi categoria e qualsiasi settore, compreso quello del food e della logistica ad esso connesso. I video e le immagini forniteci dai clienti stessi, dimostrano quanto il rigido e violento controllo da parte delle autorità renda impossibile non solo muoversi, ma semplicemente fare il proprio lavoro anche quando si tratta di approvvigionamento di cibo.
A tutto ciò si aggiunge la per ora presunta difficoltà ad accettare mele italiane da parte dei consumatori e i presunti controlli da parte di organi ispettivi e di polizia locali all'interno dei mercati generali e nei punti di vendita volti specificatamente a verificare la presenza di mele italiane.
Una situazione potenzialmente esplosiva dunque per gli esportatori italiani per i quali questi mesi rappresentano il cuore della stagione commerciale in questo paese. Al momento ci sono in mare con destinazione India circa 400 containers, partiti all’inizio di febbraio prima che scoppiasse la crisi in Italia, per un valore complessivo superiore agli 8 milioni di euro. Nelle ultime settimane nessun ulteriore carico è partito per il paese.  
Assomela è in contatto con le autorità italiane per comprendere la reale situazione ed i possibili metodi di intervento, considerando che ogni chiusura o limitazione non andrebbe a detrimento solo delle mele italiane, ma, vista la rapida evoluzione e diffusione del Coronavirus, a breve andrebbe a limitare gli approvvigionamenti di beni alimentari per l’India stessa, dove nelle ultime ore sono già avvenuti i primi assalti ai supermercati.